30 apr 2012

pensieri in punta d'ago

 Questo post oggi racchiude tre post...è partito un pò per presentare la quarta tappa del sal organizzato da Delfina, un bellissimo lavoro di gruppo organizzato per comporre una borsa porta lavoro;  questa tappa prevedeva la realizzazione di  un port'aghi
questa è la parte anteriore,
l'interno sinistro,
l'interno destro e.....
e infine come si presenta aperto.


Inoltre questo post vorrebbe avere un secondo argomento che ho a cuore ....ho passato il fine settimana alla Cinque Terre con un'amica....un paio di giorni belli senz'altro, ...belle foto e begli scorci ma....quando sono arrivata a Vernazza mi si è chiuso il cuore, del  vivace, allegro e colorato paese che ricordavo ora non è rimasto più niente. Unica nota colorata fra tanto grigiore erano le tante porte provvisorie montate per chiudere le case fantasma segante dalla tragedia....


Le foto le ho prese dal web, mi sembrava un soppruso fotografare tanta sofferenza, ma ammirazione per quelle persone che stanno lavorando per rimetterla in piedi, farla ritornare splendida e allegra come un tempo Così ieri sera mi sono messa alla ricerca nel web per poter aiutare in qualche modo nel mio piccolo questa gente e qui ho trovato una prima idea facile, semplice e immediata, visto che fra poco dovrò compilare  la mia dichiarazione dei redditi sicuramente il mio 5x1000 andrà al questo codice fiscale:
C.F. 01348950112


altre idee le leggerò con calma qua e qua perchè anche Monterosso mostra profonde cicatrici di quello che è successo nell'ottobre dell'anno scorso.

Ultimo argomento per oggi   è un ringraziamento a Margherita di Crocette & Margherite

Ti ringrazio tantissimo per aver pensato a me e per rispondere alla tua  domanda dei miei  tre cibi preferiti.....Fragole, Arance Pesche....perchè di solo frutta? ho pensato che se fosse l'ultimo pasto scelto questa sarebbe la mia scelta....non so stare senza frutta....
Dovrei girare il premio-gioco ad altre 10 blogger...allora....perchè non girarlo a tutte voi che passate a trovarmi?
Alla prossima.glo

19 commenti:

  1. Avevo letto che era quasi tornato tutto alla normalità...
    ma sembrava un po' difficile... per i miracoli non siamo attrezzati.
    Complimenti per il lavoro e buon primo maggio
    Mari

    RispondiElimina
  2. Gloria non sei solo dolcissima,come il tuo porta aghi ricamato,ma di una sensibilità stupenda...grazie per queste informazioni,a volte come si dice se le cose son lontane dagli occhi,sono lontane anche dal cuore...quindi hai fatto proprio bene a ricordarcele!!!un abbraccio,Marika

    RispondiElimina
  3. Ciao Glorietta.

    Il tuo lavoro, come sempre è ammirabile...compreso il tuo voler devolvere a quanto hai scritto...io ho un'altra volontà che sai...farò poco...forse nulla, lo so...sola non conto niente...ma ci credo!

    La frutta?

    Acciderbolina...io avrei detto verdura!

    Bacio grande dolce amica! Kiss. NI

    RispondiElimina
  4. le cinque terre sono bellissime,romantiche...io vado al mare lassu'...ottimo lavoro procede davvere bene,un bacione e un buon primo maggio!!

    RispondiElimina
  5. ciao Glo, è bellissimo il tuo porta aghi...Per il resto, viste le immagini dell'alluvione era impensabile che tutto fosse tornato come prima...molto triste!
    un bacio

    RispondiElimina
  6. ciao carissima, che bel lavoro!! è stuopendo questo portaaghi!!stavo riflettendo che oramai in rete spopolano i sal, soprattutto per quanto concerne buste bustine, borse... una vera moda/mania e i progetti sono tutti uno più bello del'altro!! bacio

    RispondiElimina
  7. ciao Gloria, e' stupendo il tuo porta aghi!!!!
    a presto, Ezia.

    RispondiElimina
  8. Il portaaghi è Deliziosissimo!!
    Purtroppo non dovrebbero succedere queste catastrofi e lo stato dovrebbe essere più presente invece.......
    Morena

    RispondiElimina
  9. Hai fatto un lavoro davvero perfetto!!!
    Che tragedie in quei posti, è tutto così difficile e lungo da risolvere.
    Un bacione
    Cri&Anna

    RispondiElimina
  10. ecco... mi sono appena accorta, guardando il tuo bellissimo porta aghi....che non ho messo un laccetto per chiudere il mio.....sigh...
    Clelia

    RispondiElimina
  11. Il tuo porta aghi è veramente bellissimo!!!Spero come te che questa gente possa tornare al più presto nelle proprie case,hai avuto un bel pensiero per aiutarli!! Il mio 5 x 1000 invece andrà al canile di Vigevano, si raccolgono fondi per costruire delle casette coimbentate per l'inverno!!!

    RispondiElimina
  12. Da poco avevo visto alla tv uno speciale sulle Cinque Terre e riguardando le foto fatte durante un soggiorno di alcuni anni fa stentavo a credere..ed è tutta colpa dell'intervento dell'uomo..che dolore.Brava Gloria per aver ricordato che si puo sempre dare una mano.Buona giornata!

    RispondiElimina
  13. Mi piace questo porta aghi! E le porte colorate che ci mostri, nonostante la tristezza, sono stupende! Un caro saluto, Anita Camilla

    RispondiElimina
  14. ciao Gloria il tuo porta aghi é veramente bello ,brava passa da me www.metalfimo2.blogspot.com

    RispondiElimina
  15. bellissimo il porta aghi! non oso immaginare il disastro che hai visto...
    Baci Baci

    RispondiElimina
  16. Bellissimo il porta aghi. Preferisco ricordare le cinque terre così allegre come le vidi tempo fa. Grazie per le informazioni.

    RispondiElimina
  17. Complimenti per il portaghi! e che le porte colorate siano un segno di speranza!

    RispondiElimina
  18. Ciao Gloria è un po' che non passavo di qua complimenti per il portaghi davvero un bel lavoro
    Lu

    RispondiElimina
  19. bellissimo i tuo porta-aghi, l'interno a cuore lo rende particolarissimo!
    Sei stata qui? peccato potevamo vederci, io vado spesso a Vernazza, oggi ci sono per il knit con le amiche.
    Per quanto riguarda le 5 Terre il miracolo c'è stato eccome, da come erano conciate Vernazza e Monterosso vi assicuro che c'è stato. Ora piano piano stanno riaprendo i negozi ma il lavoro è tanto. Oserei dire per fortuna che lo stato si è visto poco almeno si è andati avanti con i lavori. E non è assolutamente stata colpa dell'uomo quella catastrofe, in un'ora si è rovesciata l'acqua che di solito cade in un anno.
    Se ti capita di ritornare fatti sentire, baci Dori

    RispondiElimina

grazie per essere venuti a trovarmi.gloria